Monitoraggio della radioattività nelle acque

Arpa Piemonte svolge attività di monitoraggio della radioattività presente nelle acque potabili, di pozzo, sorgenti e superficiali. L'attività si basa su quanto previsto dal D.Lgs. 31/2001 che stabilisce che la dose totale indicativa da consumo di acqua non deve superare il limite di 0,1 mSv/anno e la concentrazione di trizio non deve superare il valore di 100 Bq/l.

I risultati del monitoraggio sono pubblicati attraverso un geoservizio che riporta i valori dei principali parametri radiometrici:Accedi al servizio

  • concentrazione di attività alfa e beta totale
  • concentrazione di attività del radon
  • concentrazione di attività del trizio
  • concentrazione di uranio

I dati si riferiscono alla radioattività di origine naturale: il contributo della componente artificiale, se presente, è infatti risultato del tutto trascurabile (al massimo, attorno all'1%)

Per ulteriori approfondimenti sui contenuti del geoservizio si rimanda alla sezione "Dettagli" dell'applicazione web.